"La grande guerra" e le piccole azioni