La "differenza antropologica" e il razzismo degli intellettuali meridionali