Il diritto greco tra oralità e scrittura. Osservazioni in margine ad un libro recente