Marco Pino: il ventennio oscuro