Sull’ammissibilità della revocatoria della scissione