Marco Pino, Vincenzo da Pavia e il “mestiere del conoscitore”