L'articolo rende noti alcuni documenti inediti sulla raccolta d'arte costituita tra fine Ottocento e inizio Novecento dal poeta, musicofilo e appassionato d'arte Rocco Pagliara. La documentazione in questione appare assai rilevante per conoscere la consistenza iniziale e le caratteristiche dell'allestimento della ricchissima collezione a villa Belvedere, celebre residenza seicentesca napoletana presa parzialmente in fitto da Pagliara nel 1904. Dopo consistenti dispersioni la raccolta sarebbe approdata negli anni venti del Novecento in alcuni spazi del Suor Orsola Benincasa, dove sarebbe stato istituito, nel 1947, il museo della Fondazione Pagliara, attualmente riaperto al pubblico.

Un'eredità ingombrante. La raccolta d'arte Pagliara a villa Belvedere

De Mieri S;
2017

Abstract

L'articolo rende noti alcuni documenti inediti sulla raccolta d'arte costituita tra fine Ottocento e inizio Novecento dal poeta, musicofilo e appassionato d'arte Rocco Pagliara. La documentazione in questione appare assai rilevante per conoscere la consistenza iniziale e le caratteristiche dell'allestimento della ricchissima collezione a villa Belvedere, celebre residenza seicentesca napoletana presa parzialmente in fitto da Pagliara nel 1904. Dopo consistenti dispersioni la raccolta sarebbe approdata negli anni venti del Novecento in alcuni spazi del Suor Orsola Benincasa, dove sarebbe stato istituito, nel 1947, il museo della Fondazione Pagliara, attualmente riaperto al pubblico.
Collezionismo
Arti applicate
Dipinti
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12570/25020
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact