After focusing on the peculiar interpretative story of the political Alfieri - that of having been, for at least a century and a half, a mirror in which many Italian political cultures have recognized themselves - the essay focuses on Alfieri’s political thought, in particular through the analysis of Della tirannide, highlighting the original (and misunderstood) contribution that this treatise brought to the great eighteenth-century debate on despotism: the modernly political cut of the analysis, the tight logical-argumentative structure, the definition of European despotism as desguised despotism, because covered by the deceptive veil of the legal apparatus. All in a resolutely republican perspective, enriched however by some proto-liberal intuitions

Dopo aver messo a fuoco la peculiare vicenda interpretativa dell’Alfieri politico – quella di essere stato, per almeno un secolo e mezzo, uno specchio in cui molte culture politiche italiane si sono riconosciute – il saggio si concentra sul suo pensiero politico, in particolare attraverso l’analisi del Della tirannide, evidenziando il contributo originale (e misconosciuto) che questo trattato ha portato al grande dibattito settecentesco sul dispotismo: il taglio modernamente politologico dell’analisi, la serrata struttura logico-argomentativa, la definizione del dispotismo europeo come dispotismo dissimulato, perché coperto dal velo ingannevole dell'apparato legale. Il tutto in una prospettiva risolutamente repubblicana, arricchita tuttavia da alcune intuizioni proto-liberali.

Vittorio Alfieri. Tra repubblicanesimo e liberalismo

DE LUCA STEFANO
2021

Abstract

Dopo aver messo a fuoco la peculiare vicenda interpretativa dell’Alfieri politico – quella di essere stato, per almeno un secolo e mezzo, uno specchio in cui molte culture politiche italiane si sono riconosciute – il saggio si concentra sul suo pensiero politico, in particolare attraverso l’analisi del Della tirannide, evidenziando il contributo originale (e misconosciuto) che questo trattato ha portato al grande dibattito settecentesco sul dispotismo: il taglio modernamente politologico dell’analisi, la serrata struttura logico-argomentativa, la definizione del dispotismo europeo come dispotismo dissimulato, perché coperto dal velo ingannevole dell'apparato legale. Il tutto in una prospettiva risolutamente repubblicana, arricchita tuttavia da alcune intuizioni proto-liberali.
After focusing on the peculiar interpretative story of the political Alfieri - that of having been, for at least a century and a half, a mirror in which many Italian political cultures have recognized themselves - the essay focuses on Alfieri’s political thought, in particular through the analysis of Della tirannide, highlighting the original (and misunderstood) contribution that this treatise brought to the great eighteenth-century debate on despotism: the modernly political cut of the analysis, the tight logical-argumentative structure, the definition of European despotism as desguised despotism, because covered by the deceptive veil of the legal apparatus. All in a resolutely republican perspective, enriched however by some proto-liberal intuitions
Alfieri, Italian political cultures, Despotism, Republicanism, Liberalism
Alfieri, culture politiche italiane, dispotismo, repubblicanesimo, liberalismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/25454
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact