Alcune osservazioni su una festa napoletana per la canonizzazione di Pio V