Sul ‘Coppola’ del Municipio di Gallipoli e le origini della natura morta napoletana