Non è un luogo il salotto della principessa. Non è un modo per evocare consuetudini sociali o ambienti ricercati ed esclusivi. Il salotto richiama quel “sogno illuministico di un sapere aperto a tutte le discipline” che la principessa di Strongoli Adelaide del Balzo Pignatelli ha coltivato per tutta la vita. Un riferimento simbolico alla sua educazione raffinata che si era nutrita di incontri e di scambi favoriti da un’appartenenza aristocratica e cosmopolita, ma che aspirava a trasferirsi in un progetto, politico prima ancora che formativo, per permettere alle donne di partecipare attivamente alla società moderna.

Il salotto della principessa. Dai carteggi alla storia

Fiorelli Vittoria
2022

Abstract

Non è un luogo il salotto della principessa. Non è un modo per evocare consuetudini sociali o ambienti ricercati ed esclusivi. Il salotto richiama quel “sogno illuministico di un sapere aperto a tutte le discipline” che la principessa di Strongoli Adelaide del Balzo Pignatelli ha coltivato per tutta la vita. Un riferimento simbolico alla sua educazione raffinata che si era nutrita di incontri e di scambi favoriti da un’appartenenza aristocratica e cosmopolita, ma che aspirava a trasferirsi in un progetto, politico prima ancora che formativo, per permettere alle donne di partecipare attivamente alla società moderna.
Carteggi, storia della cultura, storia di Napoli
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12570/25770
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact