The article proposes to education professionals a reflection on the need to think about families starting from the way of being a family and not from pre-packaged (and easily exploitable) ideas. Starting from the concept of family as a particular and complex form of aggregation of people and in the light of the repercussions and implications that such a reading of the family has on people’s educational and existential styles, the connection of the concept of family with the idea of non-linear evolution of civilisation is considered and Dewey’s concept of experience is recalled, which allows boundaries to be crossed rather than setting up ideological and paradigmatic barriers. This need also appears to be reinforced by the changes and transformations engaging families in times of Covid-19 pandemic and, also for this reason, requires a professional pedagogical view that is able to move within and beyond the conceptions of family, to identify and understand the family paradigms with which one is confronted in the course of the educational work.

L’articolo propone ai professionisti dell’educazione e della formazione una riflessione sulla necessità di pensare le famiglie a partire dal modo di essere famiglia e non da idee preconfezionate (e facilmente strumentalizzabili). Partendo dal concetto di famiglia come particolare e complessa forma di aggregazione di persone e alla luce delle ripercussioni e delle implicazioni che una tale lettura della famiglia ha sugli stili educativi ed esistenziali delle persone, viene considerata la connessione del concetto di famiglia con l’idea di evoluzione non lineare della civiltà e viene richiamato il concetto di esperienza di Dewey che consente di attraversare i confini piuttosto che porre barriere ideologiche e paradigmatiche. Questa esigenza appare rinforzata anche dai cambiamenti e dalle trasformazioni che investono le famiglie in tempo di pandemia da Covid-19 e, anche per questo, richiede l’adozione di uno sguardo pedagogico professionale che sia in grado di muoversi dentro e oltre le concezioni di famiglia, per individuare e comprendere i paradigmi familiari con i quali ci si confronta nel corso del lavoro educativo e pedagogico.

Dentro e oltre le concezioni di famiglia. Sguardi (parziali) di pedagogia con e per le famiglie

Perillo
2021

Abstract

L’articolo propone ai professionisti dell’educazione e della formazione una riflessione sulla necessità di pensare le famiglie a partire dal modo di essere famiglia e non da idee preconfezionate (e facilmente strumentalizzabili). Partendo dal concetto di famiglia come particolare e complessa forma di aggregazione di persone e alla luce delle ripercussioni e delle implicazioni che una tale lettura della famiglia ha sugli stili educativi ed esistenziali delle persone, viene considerata la connessione del concetto di famiglia con l’idea di evoluzione non lineare della civiltà e viene richiamato il concetto di esperienza di Dewey che consente di attraversare i confini piuttosto che porre barriere ideologiche e paradigmatiche. Questa esigenza appare rinforzata anche dai cambiamenti e dalle trasformazioni che investono le famiglie in tempo di pandemia da Covid-19 e, anche per questo, richiede l’adozione di uno sguardo pedagogico professionale che sia in grado di muoversi dentro e oltre le concezioni di famiglia, per individuare e comprendere i paradigmi familiari con i quali ci si confronta nel corso del lavoro educativo e pedagogico.
The article proposes to education professionals a reflection on the need to think about families starting from the way of being a family and not from pre-packaged (and easily exploitable) ideas. Starting from the concept of family as a particular and complex form of aggregation of people and in the light of the repercussions and implications that such a reading of the family has on people’s educational and existential styles, the connection of the concept of family with the idea of non-linear evolution of civilisation is considered and Dewey’s concept of experience is recalled, which allows boundaries to be crossed rather than setting up ideological and paradigmatic barriers. This need also appears to be reinforced by the changes and transformations engaging families in times of Covid-19 pandemic and, also for this reason, requires a professional pedagogical view that is able to move within and beyond the conceptions of family, to identify and understand the family paradigms with which one is confronted in the course of the educational work.
education; experience; transactional educational approach; education professionals; Covid-19.
educazione; esperienza; approccio educativo transazionale; professionisti dell’educazione e della formazione; Covid-19.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/26142
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact