Sandro Bernardi, Kubrick e il cinema come arte del visibile