Vittorio Russo, Exordio e/o proemio nelle retoriche volgare e in Dante; Vittorio Russo, "Voi ch'intendendo" e "Amor che ne la mente": la diffrazione dei significati secondo l'auto-commento del Convivio