L’apostrofe ad un destinatario fittizio. Sull’uso di un artificio retorico negli autori del XVII secolo