Napoli per una nuova intercultura: lo spazio, la lingua, la funzione mediatrice