Il web, palestra di democrazia?