In the context of Weber's "Sociology of Domination", the term «patrimonialism» begins to be used relatively late, in 1914, as a form of traditional domination. It cannot be identified with the mere domination of the «father». In this article, its conceptual definition, which owes its basic characteristics to Haller's and Below's theories, is investigated in its classical roots. Patrimonialism turns out to be a problematic concept, which wavers between an «economic» matrix and deep consequences in terms of political subordination, which cannot be limited to pre-modern age. Its echo is still to be found in the Weberian interpretation of the twentieth century Welfare State.

Uno dei capitoli più trascurati della Sociologia del dominio weberiana, quello sul dominio patrimoniale, tra echi antichi e fonti moderne, tra 'economica' e 'politica'.

Note sul dominio patrimoniale in Weber

Palma M
2014

Abstract

Uno dei capitoli più trascurati della Sociologia del dominio weberiana, quello sul dominio patrimoniale, tra echi antichi e fonti moderne, tra 'economica' e 'politica'.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/12548
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact