Weber e il «lavoro da schiavo». Riflessioni da "Il vecchio e il mare"