Dal sogno di Senofonte alla città dei porci. Kojève su tirannide e omogeneità