Autocritica della violenza. Riflessioni su Aiace e il “grande criminale”